Lo scudo di Talos

 

Moldiv_1456785760136_resized

Tra i libri che vorrei suggerirvi e che merita senza ombra di dubbio di essere letto (anche più di una volta come ho fatto io) c’è “Lo scudo di Talos” del noto scrittore e storico Valerio Massimo Manfredi.

La prima volta che lessi “Lo scudo di Talos” frequentavo il liceo, ero appena un’adolescente, me ne innamorai immediatamente.

Avvincente,travolgente,enstusiasmante. Si tratta di un romanzo storico dove le vicende politiche e non di Sparta ed Atene fanno da sfondo e si intrecciano con una tormentata storia familiare che vede due fratelli separati alla nascita nel rispetto di una dura legge spartana, quella che in latino potrebbe essere definita una dura lex, sed lex! Ma gli uomini nulla possono contro il proprio destino. Ed ecco che i due fratelli per volere del fato si ritroveranno, senza sapere del loro legame di sangue, a lottare fianco a fianco contro il nemico persiano. Talos lo storpio è un ilota, Brithos, suo fratello, un giovane soldato. I due rimarranno vicini fino alla morte. Il finale lo lascio a voi.

Di sicuro “Lo scudo di Talos” è un racconto che racchiude in sé tanti elementi passionali, affetti, coraggio ed avventura. Il tutto immerso in una straordianaria atmosfera che fa rivivere l’antico mondo degli eroi e degli déi.

 

Lo scudo di Talos
Lo scudo di Talos

 

L’autore: Valerio Massimo Manfredi

«Se gli eroi scompaiono anche i poeti muoiono, non avendo più materia per il loro canto»

Valerio Massimo Manfredi è un archeologo e scrittore italiano il quale, dopo essersi laureato in lettere classiche presso l’Università di Bologna, entra a far parte del mondo dell’archeologia specializzandosi in topografia del mondo antico all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha insegnato nella stessa università Cattolica dal 1980 al 1986 per poi iniziare una intensa carriera accademica prima all’Università di Venezia (1987) e dopo presso la Loyola University of Chicago, all’Ecole Pratique des Hautes Etudes della Sorbona di Parigi e alla Bocconi di Milano.

Oltre che autore di numerosi articoli e saggi in sede accademica, Manfredi ha scritto romanzi di grande successo, tradotti in tutto il mondo (per un totale di circa dodici milioni di copie vendute a livello internazionale). Tra i numerosi riconoscimenti ottenuti: nel 2003 Nomina a Commendatore della Repubblica “motu proprio” del Presidente Carlo Azeglio Ciampi, Il premio Corrado Alvaro Rhegium Julii (2003) e premio Librai Città di Padova, nel 2004 il Premio Hemingway per la narrativa, nel 2008 il premio Bancarella e nel 2010 il premio Scanno.

Manfredi è anche autore di soggetti e sceneggiature per il cinema e per la televisione. La sua trilogia Alexandros è stata acquistata da Universal Pictures per una produzione cinematografica e Dino De Laurentiis ha realizzato L’Ultima legione. Lo scrittore, inoltre, ha partecipato alla sceneggiatura di September eleven 1683 ispirato alla vita di Marco D’Aviano (diretto da Renzo Martinelli) e ha adattato per il cinema Le Memorie di Adriano di M.Yourcenar per John Boorman. Valerio Massimo Manfredi collabora come giornalista scientifico a varie testate in Italia e all’estero e ha condotto con successo i programmi televisivi Stargate – linea di confine e Impero.

http://www.valeriomassimomanfredi.it/it/

 

img_20161013_143220
L’archeologo e scrittore Valerio Massimo Manfredi

Related posts: